Don Bosco e le missioni

Una congregazione per il mondo

Il cuore missionario di Don BoscoPrima spedizione missionaria

Don Bosco intuì l'enorme tensione spirituale e la straordinaria forza apostolica che l'ideale missionario avrebbe suscitato nei suoi ragazzi. Le intuì e le utilizzò con zelo e con intelligenza. Ai ragazzi parlava delle missioni e dei missionari, li teneva informati delle loro attività, dei loro bisogni, li faceva pregare, li incoraggiava a partecipare al sogno missionario.

La cultura missionaria si fa realtà vissuta quando si acquisiscono atteggiamenti e valori fondamentali del carisma salesiano. Sono quei valori che Don Bosco inculcò nei suoi ragazzi e nei suoi salesiani: l’amore preferenziale per i giovani più poveri, il desiderio di collaborare nella missione redentrice di Cristo e il rinnovamento del mondo.

I salesiani sono una congregazione missionaria

L’enciclica «Redemptoris Missio» presenta in generale tre differenti forme dell'attività evangelizzatrice: 

  1. l'«attività missionaria specifica» tra le genti che non conoscono Cristo; 
  2. la «cura pastorale»» tra le comunità cristiane impegnate; 
  3. e la «riproposta del Vangelo» nei paesi di antica tradizione cristiana ormai secolarizzati.

I confini tra le tre modalità non sono tracciabili in modo chiaramente definito; certamente queste attività non si identificano una con l'altra, né si escludono mutuamente come se si potesse isolare ciascuna di loro, indipendentemente dalle altre. Al contrario, esse sono intercomunicanti; inoltre, l'attività specificamente missionaria (ad gentes) significa anche per le altre l'espressione prima e qualificante di tutta l'evangelizzazione: «Senza di essa la Chiesa sarebbe priva del suo significato fondamentale e della sua attrazione esemplare» (Redemptoris Missio 33-34).

L'impegno missionario ad gentes è parte integrante del carisma salesiano. Nella Congregazione sono state coltivate fin dagli inizi le vocazioni missionarie, come le espressioni più vive e generose della vocazione salesiana. Oggi, inoltre, l'animazione missionaria e il volontariato missionario salesiano, sono espressioni della missionarietà e della spiritualità della Congregazione salesiana.

Il missionario e il volontario salesiano s’impegnano per un progetto di vita basato sui valori del Vangelo, nel servizio delle persone in difficoltà: promuovono l'annuncio del Vangelo, i diritti umani, la solidarietà, la giustizia e la pace.

I valori che l’animazione missionaria ed il volontariato difendono e promuovono sono quelli propri dello spirito salesiano: il servizio disinteressato; lo spirito di comunità e lo stile oratoriano; l’interculturalità; la solidarietà, come un'opzione chiara e preferenziale per gli ultimi, in particolare per i poveri e gli emarginati; l’inserimento critico e responsabile nella realtà sociale per la costruzione del Regno.

Vai al dettaglio Sussurrando il Vangelo in Asia
E' questo il tema della Giornata Missionaria Salesiana 2018
La Croce Missionaria Salesiana ricorda che i Salesiani di Don Bosco e la Famiglia Salesiana sono chiamati ad essere missionari dei giovani Vai al dettaglio
Vai al dettaglio Genova. Un porto e una nuova storia che inizia
142 anni fa, la prima spedizione missionaria salesiana
11 novembre 1875 Vai al dettaglio
Vai al dettaglio 140 anni fa
prima spedizione missionaria salesiana
la partenza per la Patagonia Vai al dettaglio
Vai al dettaglio Le missioni e il volontariato
Servizio disinteressato e solidale
La vita spirituale genera atteggiamenti di servizio e di gratuità. Vai al dettaglio
 
Esci Home