Grazie Papa Benedetto XVI

Una vita donata al Signore nel suo servizio al Vangelo e alla Chiesa

Tutta la comunità ispettoriale dei salesiani dell’Italia Centrale accompagna con la preghiera il ritorno alla casa del Padre del Papa emerito e si unisce a Papa Francesco nel rendere grazie al Signore per aver arricchito la Chiesa, nella persona del Papa emerito, di un Padre e Pastore ricco di umanità e fedele servitore della Parola.
Joseph Aloisius Ratzinger è morto la mattina del 31 dicembre 2022 in Vaticano all’età di 95 anni nella sua residenza del Monastero Mater Ecclesiae, in Vaticano. All’Udienza di mercoledì 28 dicembre, visto il peggioramento delle condizioni di salute, dovuto all’avanzare dell’età, Papa Francesco aveva chiesto “una preghiera speciale”, per il Papa emerito “molto ammalato”.
Il Rettor Maggiore dei Salesiani, Don Ángel Fernández Artime, ha dichiarato: “La sua vita è stata una benedizione” e ha aggiunto che “un grande Papa è andato incontro al suo Signore, un grande credente, un grande teologo e pensatore, un uomo capace di costruire ponti di comunicazione con i più diversi filosofi, teologi e intellettuali. Un Papa rispettato e che sarà ancora più apprezzato negli anni e nei decenni a venire; un uomo e un Papa che ha saputo vivere nella semplicità e nel silenzio. Che il Dio della vita lo tenga con sé. Come figli di Don Bosco, e come lui ha insegnato a tutti i suoi salesiani, anche noi oggi diciamo: Viva il Papa!”
Il Superiore per la Circoscrizione Italia Centrale, don Stefano Aspettati, esprime la riconoscenza al Signore per il dono di Benedetto XVI alla Chiesa:
“Papa Benedetto XVI si presentò al mondo come un umile lavoratore nella vigna del Signore: mai parole furono più azzeccate. Con Benedetto la Chiesa ha avuto un finissimo teologo che ha saputo istruire il popolo di Dio in maniera semplice, un uomo di governo che ha dovuto traghettare la Chiesa in situazioni difficili, una persona semplice e umile nel tratto, un uomo capace di tessere un dialogo – nella carità e nella verità – con la cultura odierna, un uomo che ha poi saputo mostrarsi non solo umile ma anche coraggioso quando si è trattato di introdurre la possibilità di rinunciare al Pontificato. Ma soprattutto la Chiesa ha avuto in Benedetto XVI un uomo di Dio per cui non finirà mai di ringraziare”.   


 
Salva Segnala Stampa Esci Home