Un'esperienza da non perdere

Sulla strada di casa - Livorno Cantiere

Svolgo il Servizio Civile Nazionale da tre mesi ormai, e non posso non esserne entusiasta. 

Sono molti i motivi che mi hanno spinto a fare domanda per intraprendere questa esperienza: al primo posto, c’è il desiderio di aiutare gli altri, la volontà di acquisire nuove competenze e rafforzare quelle che già posseggo e per ultimo, ma non per importanza, schiarire le idee riguardo il mondo lavorativo.

In questi mesi ho avuto modo di vedere molte delle dinamiche che caratterizzano questa esperienza, mi sento di dire che una forte motivazione nel voler comprendere ed aiutare il prossimo è essenziale. Le ricompense che riceviamo sono molteplici, a partire da sorrisi riconoscenti, affetto, ringraziamenti, generosità e nuove amicizie. 

Nello specifico, il progetto del quale faccio parte è intitolato “Sulla Strada di Casa” e si occupa principalmente di bambini e adolescenti che vivono in condizioni sociali ed economiche disagiate. Il nostro compito è quindi quello di coinvolgerli nelle nostre attività di doposcuola, ma anche ludiche e ricreative, cercando di far emergere e valorizzare i loro punti forti, nonché talenti. 

Se dicessi che è tutto in discesa mentirei, in alcuni casi non è sempre immediato trovare il giusto canale per comunicare, ma una volta trovata la chiave, il risultato è più che appagante, nonché estremamente utile. 

Quindi, per concludere, se dovessero chiedermi se consiglio di fare l’esperienza del Servizio Civile, la mia risposta è: sì, sì, e sì!


Caterina Schiariti          
 
Salva Segnala Stampa Esci Home