Alassio - 150 e oltre

Comunicato stampa 24 luglio 2021

La storia non è solo quella di cui si fa memoria del passato, ma è anche quella che si va costruendo giorno dopo giorno con lo sguardo rivolto al futuro.

Ogni proficua azione educativa è ben attenta alla realtà quotidiana, al suo mutare continuo, oggi con un ritmo inusuale nei decenni passati, ed è chiamata ad assumere rinnovate attività, ad aggiornare le modalità organizzative, ad ampliare le relazioni anche sociali e istituzionali perché il lavoro in rete e  le sinergie sono sempre più indispensabili anche nell’ambito educativo, oltre che nell’ economico, nello scientifico, nell’ ambito imprenditoriale.

È in questo orizzonte che si muove e opera la Circoscrizione Salesiana dell’Italia Centrale, che dal 2008, dopo anni di preparazione, coordina e governa le presenze Salesiane nelle Regioni della Liguria, Toscana, Sardegna, Lazio, Abruzzo, Marche e Umbria.

Un impegno costante per rinnovarsi, qualificare ambiti come per esempio la formazione professionale, proseguire la presenza nella scuola pubblica paritaria nonostante il calo demografico e le difficoltà economiche, prestare sempre più attenzione alla povertà e al disagio specie in età giovanile.

Il potenziamento numerico e formativo di laiche e laici, collaboratori e corresponsabili nella gestione della presenze nel nome di Don Bosco, oltre a essere un esercizio fondato sul protagonismo laicale in ambito ecclesiale e civile, è una rinnovata modalità di gestione delle Case, che già Don Giovanni Bosco aveva cominciato a sperimentare nelle origini della Congregazione.

Ecco lo scenario della Casa di Alassio, proiettata ad andare oltre i 150 anni della sua storia passata, attenta al mutare degli eventi, pronta anche a rinnovare la sua modalità di presenza, decisa nel proseguire l’offerta educativa e religiosa.

La scuola, l’oratorio, la Chiesa pubblica “Madonna degli Angeli”, l’ostello e le nuove attività allo studio: tutte offerte educative, formative, religiose che continueranno nella prosecuzione di una storia che si ispira a Don Bosco, che in Alassio ha vissuto momenti di riposo e progettazione per il futuro della Famiglia Salesiana.

Sotto la diretta responsabilità e l’accompagnamento della Circoscrizione Salesiana dell’Italia Centrale, l’Opera di Alassio, confermando la presenza dei Salesiani, vivrà rinnovate modalità organizzative e  gestionali.

Don Bosco nella sua vita ha più volte cambiato e aggiornato la realizzazione dei suoi sogni e desideri, perché nell’educazione il futuro chiede innovazione, oltre all’ancoraggio nella tradizione e nel passato.

Questo per il futuro della presenza salesiana e di Don Bosco in Alassio.
 
Salva Segnala Stampa Esci Home