Il ‘sacramento della presenza’

L’esperienza di due salesiane cooperatrici

   ll "sacramento della presenza" è il tema guida che ha accompagnato i sei incontri-intervista, organizzati dal Centro Studi “opera dei Tabernacoli viventi” in collaborazione con la CISI formazione, che hanno visto la partecipazione del Rettor Maggiore, Lodovica Zanet, padre Lethèl, don Roberto Carelli, don Andrea Bozzolo. Tale percorso giunge sabato 17 aprile dalle 9 alle 10,15 in diretta sulla pagina Facebook di “Don Bosco Italia" alla sua ultima puntata: “Il ‘sacramento della presenza’ nell’esperienza di due salesiane cooperatrici: Alexandrina da Costa e Vera Grita”. Nel dialogo con Maria Rita Scrimieri, coordinatrice del Centro Studi “Opera dei Tabernacoli Viventi”, avremo modo di scoprire quanto viva e trasformante sia la presenza del Risorto nell’Eucaristia. Questo non solo per chi vive con grande intensità la comunione con Lui, come è stato per la Beata Alessandrina e la Serva di Dio Vera di Gesù, ma per un numero immenso di persone che questa presenza di salvezza di Gesù vuole raggiungere. Non c’è nulla di più missionario dell’Eucaristia e nulla di più vicino all’umanità, anche più sofferente e lontana, di quanto lo sia la mistica, cioè la presenza viva di Dio dentro di chi gli apre la porta.
In Alexandrina e Vera si scopre che anche la vita apparentemente più ‘inutile’ e messa ai margini può diventare estremamente feconda, strumento di trasformazione e redenzione che cambia la storia del mondo e l’esistenza di migliaia di persone. La vita vale immensamente di più della salute e la presenza del risorto è più forte di ogni altro limite e dà ad ogni momento un valore senza fine e senza misura: un dono estremamente attuale e prezioso nel tempo difficile che stiamo vivendo.

 
Salva Segnala Stampa Esci Home